Multi Tabbed Widget

martedì 4 ottobre 2011

18

I miei primi Campionati Italiani su Pista

IMG_3591-Large_thumbNel precedente post avevo scritto “comunque andrà sarà un successo” …in effetto lo è stato!

I miei primi Campionati Italiani Individuali sono stati un’escalation di divertimento, stanchezza, gioie, dolori, spirito di squadra e tanto tanto altro che oggi non è così semplice raccontare.

Ci sono emozioni che continuano a rientrarti nel cervello, non escono mai – Sembra di avere l’adrenalina in circolo 24 ore su 24.

Tutto inizia giovedì sera 29 settembre a Mozzana Inferiore nel Comune di Galbiate in provincia di Lecco nella regione Lombardia

Ci arrivo per prendere il nostro Virgilio, classe 1927, il fuoriclasse della pedana, ma trovo solo montagne e strade larghe poco più della mia macchina …

Mi fermo da una signora e chiedo informazioni “scusi signora conosce Virgilio Colombo?” e Lei “certo, Virgilio abita li, ma non lo troverà perchè lui tutti i giorni cammina sulle montagne” …

eh …”signora guardi che oggi mi aspetta per i Campionati Italiani Master di atletica leggera, dobbiamo andare a Cosenza!” e lei “UssignurSorriso

IMG_2866-Large_thumb

Virgilio non è solo un talento cristallino negli sport, ma è anche un ottimo pittore e dopo aver visto qualche quadro andiamo a casa mia, mangiamo e ci mettiamo subito a letto!

30/09 sveglia alle 4.00 a.m. , colazione, usciamo, arrivano gli altri compagni di auto Max, Franco e Ivo e partiamo in direzione Malpensa Terminal 2 dove troveremo gli altri 9 componenti della squadra del Road Runners Club Milano.

Alle 8.40 siamo a Lamezia Terme, ma passano 20’ prima di partire con il primo pulmino che ci dovrà portare al campo prima delle 10 per il PESO di Alberto.

Grande gioco di squadra con Franco che già a Cosenza dal giorno prima riesce ad iscriverlo intrufolandosi pure nella call room Sorriso

Per il resto ci pensa l’autista, una sorta di Gilles Villenueve, che con un sicurezza disarmante guida su 3 ruote sulla Salerno Reggio Calabria portandoci al campo alle 9.45 spaccate segnando il primo PB velocistico dei Campionati Italiani Sorriso

Io e Virgilio ce la siamo fatta sotto, giuro! Mentre Luca e Alberto non han battuto ciglio …

Nella prima giornata non gareggio, ma è in assoluto quella più massacrante soprattutto per via dell’organizzazione e della grande quantità di chilometri che farò camminando …

Location dello stadio ideale con 2 campi ( San Vito e Campo Scuola ) adiacenti e comodissimi …

La mia giornata allo stadio finisce alle 22.15 aspettando il termine del lancio del disco in ritardo di quasi 3 ore! Tra cena, giretto e altro vado a letto che è mezzanotte passata …

GARE – Day 1

Sabato è giorno di gare per il sottoscritto, si scioglie l’ultimo dubbio sulla staffetta 4x100 che correrò come ultimo e che si aggiunge alla gara obbiettivo ovvero gli 800 metri -

Ho tempo per vedere le bellissime prestazioni sui 400Hs di Frederic e del nostro compagno Damiano Ricci veramente strepitoso che si aggiudicano il titolo rispettivamente nelle categori 45 e 50 nonchè la magiastrale vittoria di Denise nei 100 metri piani sulla fortissima atleta del CUS Palermo Maria Ruggeri.

Denise Neumann vincerà poi anche i 200 metri piani recuperando fino all’ultimo metro sempre dalla fortissima Ruggeri – Per lei un 2011 strepitoso dopo gli ori indoor e l’argento europeo sui 60 metri.

Sono contento dell’esplosione di Denise, non solo perchè insieme a lei e Franco componiamo un goliardico fans club, ma perchè ha la stoffa e la testa della vera campionessa unità ad una grande umiltà, per questo prima di parlare solo di me vi invito a guardare la foto che si riferisce agli ultimi metri della finale sul 200 ancora indietro, ma in pieno recupero …

IMG_3455-Medium_thumb

 

Torniamo a noi …

L’800 è prossimo e decido di andarmi a scaldare un po’ in anticipo – La zona riscaldamento è comoda, un campetto in erba proprio dietro alla call room!

Le sensazioni sono molto buone, nonostante la massacrante giornata di ieri, corro per 15’ poi qualche andatura, cammino un po’, diversi allunghi e arrivano le fatidiche 16.55.

Spunta ed entro nel tunnel insieme agli M40 …non conosco nessuno!

Si avvicina un ragazzo che mi chiede qualcosa, parlottiamo un po’, scorprirò subito che è il fortissimo Manuel Dalla Brida classe 1973 che vincerà sia sugli 800 che sui 1.500 …

Si entra nel campo e riesco a fare qualche allungo con i chiodi, di colpo però mi rendo conto di non stare così bene come pensavo, più che tutto sento le gambe stanche, con poca forza!

C’è un bel tifo dei miei amici e sembra davvero di essere a dei campionati importanti, sento anche scandire il mio nome dall’altoparlande e mi godo il volatone degli M45 tra i fortissimi Bertaccini e D’Agostino.

Gli M40 non li vedo nemmeno, sono concentrato in attesa della chiama che arriva prestissimo, sono in terza interna …

Non sono emozionato, sono in una sorta di tranche, ma sono concentrato e allo sparo parto forte tanto che al rientro riesco subito a prendere una buona posizione.

Alla curva tengo la corda e spingo, ma appena passati i 300 si materializza la mia paura più pronfoda : …sono bollito!

Mi passano un paio di avversari che creano il gruppetto dei forti, dietro quello dei meno forti, io rimango in mezzo come un fesso! completamente da solo!

Ci provo ad accorciare sull’ultimo dei forti, ne avrei tranquillamente visto che al 400 il primo passa in 1’02” alto, ma niente, non è giornata, sono veramente stanco di gambe!

Al passaggio del primo giro ovviamente allungano e io mi trovo in balia del vento che vorrei mollare …

Resisto e saranno 200 metri alla morte controvento, in grande agonia! Sento dall’altoparlante che Dalla Brida sta allungando violentemente (chiuderà vincendo in 2’01”) mentre io finalmente arrivo in rettilineo e grazie anche al vento a favore riuscirò a tagliare il traguardo.

Per un momento penso comunque di aver fatto il personale ingannato però dal passaggio ai 400 che pensavo velocissimo (1’02”) che però si riferiva al primo, poi arriva Damiano che mi gela dicendo 2’11”…

Per un momento mi casca il mondo addosso, penso di non aver dato tutto, di aver mollato, ma poi mentre vado a riprendere la borsa capisco che invece forse ho dato oltre a quello che avevo …

Le gambe sono di marmo e mi arriva un raspino dalla gola che non sentivo dal mio primo 800 senza il minimo allenamento chiuso in 2’29” …

Arriva anche Ettore Brolo dell’Ambrosiana, ci mettiamo a parlare tutti insieme, ma io non ci sono …mi gira la testa, mi viene da vomitare, mai stato così male dopo una gara …

A Bellinzona avevo corso 2 decimi meglio ed ero fresco come una rosa, qui sono devastato e per un attimo penso di ricorrere ai soccorsi Sorriso

Poi passa tutto, anche la delusione visto e considerato che mi rendo perfettamente conto di aver dato VERAMENTE TUTTO in questa gara …

Purtroppo bisogna trovare anche la gara giusta e le condizioni giuste : oggi ero molto stanco e i miracoli non mi sono mai riusciti.

Piano piano mi riprendo, bevo subito i sali che mi fanno star meglio, ma ho una grandissima paura di non farcela per la staffetta!

Paura momentanea perchè basta mezz’ora per sentirmi di nuovo bene e farmi trovare pronto per la staffetta 4x100 che correrò con Luca, Franco e Franco.

Nello foto la mia frazione, riuscirò a prendere il 23 ? Si ce la farò !

IMG_3278-Large_thumb

Un’oretta e siamo già a scaldarci nel campetto – Franco è molto deluso dal suo 800 e anche io vorrei comunque rifarmi con una grande 4x100 , ma la fortuna ci volta le spalle!

In atletica e soprattutto negli sport individuali sono gioie e dolori e devi accettare sempre quello che viene anche perchè la rivincita è sempre dietro l’angolo e va colta al volo …

Franco fa un’ottima seconda frazione, ma nel momento del cambio si procura una contrattura ed è costretto e far fermare l’altro Franco! Questo secondo me ci porta via almeno 2” togliendoci la possibilità di lottare per il bronzo -

La tegola è che Franco non potrà correre la staffetta 4x400 M55 più forte d’Italia, detentrice del primato italiano ottenuto a luglio (3’59”) e ORO quasi sicuro, ma porterà a me un’inaspettata occasione per conquistare una medaglia …

In questo momenti non sai come comportarti, non riesco a gioire chiaramente visto che la mia entrata corrisponde all’infortunio di un amico, ma è un’ottima occasione per me, per prendermi una piccola rivincita e magari anche per conquistare punti per la squadra.

Franco è una grande persona oltre che un grande atleta e un grande amico e questo complicherà un po’ le cose dentro la mia testa arrivando pure a sognarlo nella notte tra sabato e domenica …

GARE – Day 2

Arrivo alla colazione che Franco conferma la mia presenza nella staffetta – Ha provato e non ce la fa proprio.

C’è solo il problema che devo essere S-CONFERMATO dalla gara del 1.500 altrimenti niente 4x400 – fortunatamente fila tutto liscio e visto che sono stanchissimo sono pure contento di non dover correre i 4 giri scarsi.

Intorno alle 13 andiamo a scaldarci, la staffetta è la stessa di Cagliari, ma io valgo purtroppo almeno 2” sopra quel tempo.

Sono in seconda frazione, mai fatta e questo mi rende un po’ nervoso visto che mai in vita mia ho consegnato un testimone in staffetta.

Dei nostri avversari solo la San Marco sembra imbattibile frutto anche di un grande acquisto, tentano addirittura il primato italiano – Gli altri sono battibili, ma non dobbiamo sbagliare nulla.

Io sono tremendamente teso perchè durante il riscaldamento sento tirare il bicipite femorale sinistro, colpa della 4x100 e delle 2 gare in un giorno.

Parte IVO, entro in pista e tutto sparisce, prendo bene il testimone e parto subito fortissimo in modo da distanziare quelli che ho vicini …la San Marco è già lontanissima.

IMG_3570-Large_thumb

Controvento è dura e al 200 vado pure in debito d’ossigeno (sono stanchissimo!) …..ma ai 300 sento tirare di colpo il bicipite femorale e me la faccio letteralmente sotto!

IMG_3573-Large_thumb

Per un attimo si materializza la paura di non arrivare, ma il vento a favore mi aiuta e riesco a consegnare il testimone ad Aldo che lo darà a Damiano conquistando un ottimo 2° posto!

Il resto sono festeggiamenti, podio e un pensiero per l’amico Franco che sono sicuro si rifarà al più presto!

IMG_3587-Large_thumb

 IMG_3598-Large_thumb

La Sintesi ? Un’esperienza fantastica sotto tutti i punti di vista! Un bagaglio che mi servirà per i prossimi anni sperando, l’anno prossimo, di non avere nessun infortunio in modo da potermi presentare in perfetta forma e chissà, sognare non è vietato e io sono un sognatore cronico Sorriso

IMG_3611-Large_thumb

Per quanto riguarda il futuro podistico ho preso un’importante decisione che vi dirò molto presto, qualcuno lo sa già e sta già tremando eh eh Sorriso

Ma è sul presente che punto in questo momento! Ho zoppiccato un po’ dopo le 3 gare tutte con le chiodate, ma ora sono a posto – L’unico problema è il bicipite femorale sinistro che è DI GESSO!

Se passa giovedì 400, sabato MIGLIO e settimana prossima attacco il PB sugli 800 …se trovo la giornata so di valere un sub 2’10” ! Alè!

Buone Corse a Tutti !


Condividi su Facebook Condividi su Facebook


18 commenti:

nicolap ha detto...

cara Pollyanna,
non avevo capito ti fossi portato a casa una medaglia :-)

Denise ha detto...

Luciano...sempre belli i tuoi articoli. Le trasferte così lunghe poi ti si azzeccano addosso per giorni e giorni, ci pensi di continuo...emozioni fortissime! Io ne ho fatte da spettatrice infortunata, da outsider e da medagliata...tutte indimenticabili!

theyogi ha detto...

intanto tu stai a raccontarlo e noi a leggerlo... ;D vista da qui sembra che la prima sia servita a prendere le misure; l'emozione gioca brutti scherzi, per non parlare del femorale....

Micio1970 ha detto...

Bello il campo scuola di Cosenza!
Bravo a cogliere il midollo dalla trasferta ... ora non tenerci in sospeso con la decisione!

Paolo "Cavallo Pazzo" ha detto...

Bel racconto...lo aspettavo trepidante!
Hai descritto in maniera magnifica la fatica e la tensione che si vivono in quei momenti.
Grande esperienza Luciano e comunque buoni tempi visti e considerati i tuoi impegni...

Piuttosto?? Che hai deciso??? Ti dai finalmente ai 400??? :D

Anonimo ha detto...

bella storia e tempi in linea coi migliori della stagione, meglio non potevi fare.
e vedi di risolvere sto piede!

p.s. complimenti a denise per la quasi perfetta postura come da foto.
luciano er califfo.

federico vecchiarelli ha detto...

bellissimo Lucky, e complimenti di cuore per la medaglia. alla prox gara a Milano avvisa che vengo a tifare

Lucky73 ha detto...

@NICOLA
eh eh ...e giovedì della prossima settimana ne prendiamo un'altra :)

@DENISE
vero, ti rimane l'adrenalina addosso! A differenza di Cagliari questa è stata anche bella lunga!

@YOGI
sta andando a posto! Speriamo perchè giovedì ho tutta l'intenzione di fare un gran tempo!
Come al solito sei riuscito a leggere tra le righe, spero di non farmi male perchè nella prossima stagione voglio fare molto bene!

Lucky73 ha detto...

@PAOLO
grazie Paolo, non avere fretta, presto spiattellerò tutto :)

@FEDERICO
giovedì della prossima settimana al giuriati sarà spettacolo, ma soprattutto sudore e divertimento :)

@CALIFFO
grazie ...vediamo le prossime gare, il piede non peggiora e sembra piano piano migliorare...
Dovesse restare sempre così potrebbe anche andare bene ....

Tra un paio di settimane comunque torno dall'ortopedico ....

GIAN CARLO ha detto...

In ogni foto volate, deve essere una gran bella sensazione.
Più che dar tutto non si puo'

Tosto ha detto...

bravo Luciano, non solo per le gare ma anche per come riesci ad analizzare bene le varie situazioni!

Luca "Ginko" ha detto...

Superlativo il racconto a partire dalla sciura a cui hai chiesto informazioni. Ti invidio davvero tanto per questa esperienza che hai vissuto. Credo che i tempi siano superflui anche se il second posto è davvero la ciliegina sulla torta!
Grande Luciano :-)

Anonimo ha detto...

daccordo col califfo
le gambe stanche però vuol dire che non eri al top, anche se meglio di così era veramente difficile quest'anno

fai bene ad essere contento ( ... e l'anno prossimo ci tiriamo il collo su uno e due GIRI eh eh eh)

panda

Anonimo ha detto...

Grande LuckY!
Bellissima storia!
ti direi mille cose ma scusa se passo subito al dunque: DOVE sono gli 800 settimana prossima?? voglio venire anch'io! sotto i 2'10" per forza! :)

In bocca al lupo per Asti e soprattutto per il miglio del Verbano, anche ad Ale e Guido, ciao!!
akessio

Lucky73 ha detto...

@GIANCARLO
fantastica ...
vero anche se alle volte vorresti esagerare :)

@TOSTO
grazie!

@LUCA
grazie Luca, la sciura di montagna mi ha fatto morire :)

@PANDA
ho ancora qualche garetta, certo in quelle condizioni più di così probabilmente non avrei potuto fare...

Sul giro :) vedremo ...

@ALESSIO
eh eh lo sto cercando! Vedi se trovi qualcosa possibilmente prima di giovedì che vorrei fare l'americana :)

fathersnake ha detto...

Tu chiamale se vuoi...emozioni :-)

arirun ha detto...

Ad essere FRANCO...a roma se diceva morts tua vita mea...Vai Lucky il tuo amico si rifarà come del resto a breve te negli 800 ;)

Lucky73 ha detto...

@MICIO
si bellissimo il campo, anzi tutti e due i campi e soprattutto la posizione veramente azzeccata!
Prima di partire per Boston svelerò la decisione :)

@FATHER
grande Lucio!

@ARI
Frank tornerà più forte di prima, è un vero duro!

Per l'800 ormai sarà 2012, speriamo senza infortuni ...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Calcola la tua velocità
 
Ore:
Minuti:
Secondi:
Metri:
Minuti/KM:
KM/h:
 

 Fonte www.tuttopodismo.it





Responsabilità
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L'amministratore del blog, pur mantenendo costante azione preventiva, non ha alcuna responsabilità per gli articoli, siti e blog segnalati e per i loro contenuti. Ogni commento inserito nei post viene lasciato dall'autore dello stesso accettandone ogni eventuale responsabilità civile e penale. Le foto ed i video contenuti in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono copyright dei rispettivi autori/agenzie/editori.