Multi Tabbed Widget

lunedì 12 gennaio 2009

19

Al Monga un vero Incubo....propriocettivo!!


"Al Cross di Paderno vorrei attaccare" ...le ultime parole famose! :-))
Mi son dimenticato di raccontare il mio test posturale eseguito gratuitamente sul  Delos Postural Proprioceptive System. Una serie di posizioni su una gamba in equilibrio precario onde valutare la capacità propriocettiva.
Beh c'è poco da raccontare se non dire che ho parecchio da lavorare, non ci siamo proprio. Ora capisco perchè ad ogni buca, ad ogni sconnessione del terreno, ad ogni ostacolo che non vedo ho grosse possibilità di stortarmi qualcosa o peggio ancora infortunarmi.
Quando facevo atletica all'età di 9 anni facevo una ginnastica speciale, appunto la ginnastica propriocettiva e mi aiutava tantissimo nelle situazioni "limite". Devo riprendere ad utilizzare la tavoletta surf che avevo usato qualche anno fa per recuperare da un infortunio alla caviglia.
Ho iniziato proprio da qua il mio resoconto del Cross di oggi in quanto mi sono trovato in grossisima difficoltà con grandi rischi per le mie articolazioni. Per fortuna la mia testa sembra funzionare e non forzando sono riuscito a portare a casa le caviglie.
Volevo attaccare in questo cross, ma è stato lui ad attaccarmi e mettersi sulla difensiva non è bastato per cercare comunque una buona prestazione. Questo tipo di gara non è da sottovalutare: richiede una preparazione davvero specifica e non approssivativa. Mentre su strada vieni perdonato parecchio, nel cross no! Lui non perdona! Nel cross anche uno forte su strada rischia di fare una brutta figura.
Sono riuscito a trovare comunque spunti di grande divertimento: ho portato a casa la "pelle", un bel pacco gara, c'era il sole, organizzazione super, atmosfera affascinante con la neve e ho tifato a squarciagola per le volate dei miei amici Alberto e Pietro!
Il campo lo vedete nella foto, la temperatura no! Finalmente un inverno freddo! Sono stufo di sentire telegiornali allarmistici. Siamo in pieno inverno e per di più anche abbastanza vicini ai giorni della merla. Questa mattina sotto casa un bel -9° mi aspettava, l'auto totalmente ghiacciata e la mia bottiglietta ibernata! A Paderno si stava meglio (ehehe), solo -4° alle 8.30 :-)). Durante la ricognizione non mi sembrava così tremendo il terreno, ma stavo camminando non stavo correndo e questo ha fatto poi una differenza abissale. La neve, estesa dappertutto era molle, dura e croccante. Un passo affondavi un passo teneva e un passo scivolavi e poi qualche buchetto nascosta era in agguato pronto a morderti le caviglie.
Tutto era tremendamente evidenziato dalla mia scarsa capacità propriocettiva ed era lampante la differenza che c'è tra un vero atleta ben preparato e uno scarso (come me) preparato in modo approssimativo. Devo proseguire ed impegnarmi nel potenziamento in palestra e sulla mia pedana vibrante.
Allo start ho capito subito che non era giornata: non riuscivo proprio a correre, spingevo spingevo, ma non stavo in piedi ! Mi passavano tutti e oltre a non trovare il ritmo (che mai ho trovato) non capivo come e dove mettere i miei piedi.
A metà giro prendo un bel buco che mi fa urlare di dolore alla caviglia sinistra, quasi mi fermo, ma stringo i denti e dopo qualche metro passa. Cerco di riprendere un pò di terreno, ma tutti mi passano e dopo altri 200 mt riprendo la storta sempre allo stessa caviglia.
La fascite non si sente nonostante le odiate chiodate, ma la caviglia non mi permette nulla o quasi. Ogni passo è per me un punto di domanda, ma voglio arrivare alla fine e cerco di impostare l'andatura il più regolare possibile (comunque sempre sopra i 5 min/km).
Nel secondo giro il terzo crick (fortuna non un crack) e penso di fermarmi, ma dopo un pò il dolore si affievolisce e mancano solo 2 km. Penso che il ritiro sarebbe uno smacco troppo grosso, a costo cammino, ma arrivo! Rallento e mi passano altri 5. Nell'ultima discesa un atleta davanti a me fa un volo alla Fantozzi campione mondiale di sci. Io rallento ancora, manca poco e mi passa un altro. Ormai il traguardo è a portata di vista dietro non ho nessuno vicino, quello davanti è troppo lontano da pensare una volata......e poi con questa caviglia! (nella foto all'arrivo si vede Valter della Michetta che sembra scrutarmi. Valter è quello in assoluto che mi ha messo più in difficoltà in una volata....epica è stata quella a Bereguardo durante la prima prova!!!). 
Arrivo e con grande sopresa c'è tanta gente che deve ancora tagliare il traguardo, ma io sono veramente deluso dal punto di vista cronometrico (29 alti o 30 bassi boh nemmeno ho stoppato il Garmin).
Guardo la caviglia e sembra reggere, faccio quattro chiacchere e una foto con Antonio Capasso, (che ringrazio) aspetto l'irriducibile socio Giampaolo (che il giorno prima aveva corso anche il Brianzolo!!) e poi dritto a prendere il pacco gara. Una sopresa! Perchè alle campestri mai avevano dato dei pacchi gara. 
Un grossissimo applauso all'organizzazione: impeccabile! L'EuroAtletica 2002 è stata eccezionale. E poi il pacco gara: maglia tecnica, 2 scatole di cerotti, un cuscinetto gonfiabile e il ghiaccio secco (che ho usato subito per la caviglia), il tutto per la modica cifra di 3 euro!
Ma a questo punto mi sorge un dubbio: Linus, che era annunciato,  ma dov'era? Io non l'ho visto.
Questo quando riporta il sito del Trofeo Monga per le prime 2 prove :
Esordio epico per l'edizione 2009
Certamente questa edizione di Bereguardo verrà ricordata per tanti anni. poche volte e mai per questo trofeo, giunto alla sua 28° edizione, si era dovuto decidere di ridurre la distanza per l'impraticabilità del campo gara.
Il maltempo ha messo in difficoltà concorrenti e organizzatori ma alla fine non si è arreso nessuno.
Paderno al suo esordio ha accolto i concorrenti su un manto bianco.
Dopo Bereguardo anche Paderno mette a dura prova la resistenza degli atleti. La temperatura bassa e il fondo innevato hanno reso particolarmente dura questa prova che si è comunque svolta regolarmente.
La cosa incredibile è che ho trovato più difficoltà oggi che alla 1° "epica" prova di Bereguardo.
Siamo tornati ai tempi di NOI UOMINI DURI :-))


Condividi su Facebook Condividi su Facebook


19 commenti:

Danone75rrcm ha detto...

L'importante è che hai completato la seconda prova senza ritirarti!
Mi hai risposto che corri un cross anche questo giovedi... sei sicuro dopo essere stato non perfettamente in forma ieri?

uscuru ha detto...

sei un duro!!!
si e' vero, x i cross se sei portato e' meglio, se no'... te devi adatta'!
qualcosa cambia anke nell'impatto al suolo, devi quasi vola'!!!
e' l'agilita' nella corsa ke fa' la differenza in queste gare....
almeno credo.

Anonymous ha detto...

Vedrai che sabato prossimo arriverai al traguardo in piena efficienza, Cristiano

Michele ha detto...

Azz ma avete corso la artic marathon ? Hai detto bene,per queste gare bisogna allenarsi in modo specifico.

R. Davide ha detto...

porca miseria che casino...beh almeno se vorrò provare un cross sò già di che si parla..però mi sà che questo era proprio particolare..
ciao

franchino ha detto...

Ciao Lucky, condizioni di percorso molto simili a quelle che ho trovato io ieri a Novara. Bisogna essere molto "gatti" a correrci su, se no ti impianti. Come è successo anche a me!
Andrà meglio alla prox dai!

Ciao!

GIAN CARLO ha detto...

Per ora provo invidia... era l'allenamenti giusto per gadere della natura e sincerarmi che la mia caviglia sia veramente guarita

Lucky73 ha detto...

@Dan
Il Cross del Corrigiuriati è semplice e molto corto. Non è certo ai livelli del Monga e del Brianzolo. Ottima gara per valutare al meglio la mia caviglia che cmq mi sembra a posto! Ci vediamo là allora....

@Uscuru e Franchino
Infatti il mio passo da elefante non si è trovato molto bene :-)) Dai sono sulla buona strada....sabato c'è il brianzolo con il Road!!

@Cristiano
Ora che sei il CAPITANO devo impegnarmi ancor di più per ben figurare!!

@Michele
di questi tempo ovvero dopo il 5 gennaio qui è tutto così...Alla montagnetta non si riesce nemmeno a correre...neve...neve...neve e ancora neve!

@Davide
Si, ma tutti i cross nascondono insidie tra le più disparate....neve, terreni cedevoli, erba scivolosa, fango, buche ecc. ecc....

@Gian Carlo
se non era perfettamente guarita non te lo consiglio! :-)

Furio ha detto...

Della serie vogliamoce bene ;-)

Buona la prossima per te, per me non ci sarà una prossima volta, almeno non in questa stagione, senza chiodate e senza una preparazione specifica..
Mai dire mai, ma anche per la prossima stagione ho parecchi dubbi; un 38 enne che fa gare di fondo o mezzofondo prolungato, con i cross non centra molto.

Alberto Bressan "Pasteo" ha detto...

Ci sono gare in cui riuscire a non farsi male sembra il miglior risultato da portare a casa. Anch'io ho problemi posturali tu hai qualche link interessante da consigliarmi?
Ciao dal Pasteo

Diego ha detto...

Solo neve...... stic...... !

Tom ha detto...

sisi, prima o poi proverò!

nicolap ha detto...

Luciano consolati; i tempi della tua batteria sono stati superiori, confrontando atleti noti, segnale che quando siete partiti voi il terreno era meno battuto e più lento.
I cross devi correrli in punta di piedi, tutti di caviglie e piede, soprattutto in queste condizioni.

nicolap ha detto...

ah scusa ma la foto non è mia, è dell'album flickr dell'Ambrosiana.

francesco ha detto...

Già buono essere arrivati integri...poi ha ragione Furio: belli i cross, però senza preparazione specifica si rischia di rovinare la stagione delle gare lunghe che si andranno a fare

Lucky73 ha detto...

@Pasteo
guarda qua http://www.sportmedicina.com/propriocettivita.htm
Io cmq ho la tavolettina surf e cerco di esercitare l'equilibrio lì....Al Decathlon ci altre tavolette, ma costano parecchio.

@Furio
Il Cross lo fai esclusivamente per divertirti senza ambizioni di tempo.

@Nicola
Ho visto i risultati e in fondo la prestazione non è stata così disastrosa....
Speriamo se ne vada un pò di neve. In caso sabato mi potrò rifare a Giussano al Campionato Brianzolo!

Antonio ha detto...

Ciao Luciano, ho linkato il tuo articolo e... non si vive di solo Cross!
A presto, Antonio

Lucky73 ha detto...

Grazie Antonio! Vero! C'è anche la strada, la pista, le trail ecc. ecc. :-)))

antherun ha detto...

Lucky, mai fatto un cross in vita mia, anche se la curiosità c'è...spesso corro in sentieri "fuoristrada" nelle non competitive domenicali, ma credo che i cross siano veramente un'altra cosa...vedremo! nel frattempo complimenti per la gara!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Calcola la tua velocità
 
Ore:
Minuti:
Secondi:
Metri:
Minuti/KM:
KM/h:
 

 Fonte www.tuttopodismo.it





Responsabilità
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L'amministratore del blog, pur mantenendo costante azione preventiva, non ha alcuna responsabilità per gli articoli, siti e blog segnalati e per i loro contenuti. Ogni commento inserito nei post viene lasciato dall'autore dello stesso accettandone ogni eventuale responsabilità civile e penale. Le foto ed i video contenuti in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono copyright dei rispettivi autori/agenzie/editori.