Multi Tabbed Widget

martedì 31 marzo 2009

23

Un secondo BILANCIO...e una novità!


La foto non è stata messa lì per valutare se il bicchiere è pieno o mezzo pieno o mezzo vuoto bensì per mostrarvi la mia attuale cura alla sindrome influenzale che mi ha colpito da qualche giorno con mal di gola, raffreddore e qualche linea di febbre. LATTE E MIELE! Basterà?

Correva l'anno 2008, addì 4/11 quando scrissi il post "UN PRIMO BILANCIO" dove riassumevo i miglioramenti fatti in poco più di un anno e fissavo gli obbiettivi a breve e lungo termine.

Terminata la maratona inizio una seria preparazione per la pista e quindi è finalmente tempo di bilanci a circa 19 mesi dal mio ingresso nel podismo amatoriale.

Oggi è un giorno molto importante in quanto avviene una vera e propria svolta epocale nella mia vita podistica: sono stato SEDOTTO! Sedotto da....una TABELLA! è iniziata la redenzione? No, assolutamente: mi sono solo preso un impegno qualche mese fa con una persona e io gli impegni li rispetto. Da buon "italiano" ho scelto un allenatore straniero: nel calcio è di moda, può esserlo anche nell'atletica :-)))...anche se proprio straniero non è!! :-)) - Il suo impegno nel riuscire a tarare una tabella (per uno come me!) è stato ammirevole e di questo lo ringrazio pubblicamente. Nel prossimo POST vi deluciderò a dovere! Il fatto di non star bene proprio in questa settimana potrebbe essere una qualche allergia alle tabelle???? :-) - Oggi comincio soft con 40-50 min di fondo lento + allunghi con aspirina in corpo. Speriamo almeno non piova.

Ma ora prima di iniziare vediamo quello che abbiamo combinato in pieno regime anarchico :-)

Obbiettivi a breve termine / inverno 2008 ( Dic 2008_Mar 2009 )

Aggiungere il terzo allenamento settimanale più la gara della domenica: riuscito da gennaio al 70% da oggi al 100% - incremento del chilometraggio avviato alla grande. OBBIETTIVO RAGGIUNTO!

Scendere sotto i 20 minuti nel 5.000 in pista: 18.59 ottenuto al Giuriati in pista il 12/03/2009 tempo oltre le mie più rosse aspettative. OBBIETTIVO RAGGIUNTO!

Correre un 400 in pista: non ho ancora trovato una buona occasione, ho corso parecchi 400 ma tutti come ripetute (la migliore 1.11) , quindi il tutto viene rimandato a data da destinarsi. OBBIETTIVO RIMANDATO!

Tenere un ritmo di 4.30 min/km nella mezza maratona: 1.30.56 ottenuto alla Lago Maggiore Half Marathon del 8/03 anche qui oltre le mie più rosee previsioni. OBBIETTIVO RAGGIUNTO!

Terminare in maniera dignitosa la mia prima maratona possibilmente sotto le 4h: - 3.38.09 alla Maratona di Milano il 23/11/2008 - OBBIETTIVO RAGGIUNTO!

Raggiungere un feeling con la maratona per poi correre quella di Roma a marzo 2009 con magari qualche piccolo obbiettivo di tempo: nessun feeling raggiunto, non posso nascondermi la maratona non mi piace e richiede una preparazione che non si sposa con la mia filosofia. Per questo penso di correre la prossima maratona solo ed esclusivamente quando potrò permettermi un pre e un post maratona all'altezza della manifestazione. OBBIETTIVO RIMANDATO!

Fare bella figura nei cross invernali ( Monga a Bereguardo e se riesco tutto il Brianzolo ) mi sono impegnato e non sono arrivato tra gli ultimi come nel 2008 - spesso ho avvicinato la zona punti e in un paio di gare ho anche fatto una discreta figura, ma la strada delle campestri è lunga e piena di insidie e richiede una preparazione che spero di avere per il prossimo inverno. OBBIETTIVO RAGGIUNTO IN PARTE!

Obbiettivi a lungo termine ( 2010 )

Raggiungere i 39 minuti e 59 secondi nella 10K
Raggiungere 1 ora 29 minuti e 59 secondi nella mezza maratona

Qui la sorpresa maggiore! Obbiettivi previsti per l'anno 2010 possono essere attaccati già quest'anno!

Ho già in mente nuovi obbiettivi soprattutto per la PISTA, ma voglio aspettare almeno un mese prima di renderli pubblici. Prudenza? SICURAMENTE!!!!

...e il Fantastico QUATTRO? Mi aspetta sulla 10K, temibile come sempre!

Buone Corse a tutti!


domenica 29 marzo 2009

24

Maratona ad assorbimento rapido???





Ragazzi la Maratona di Roma è ormai lontana anni luce; non pensavo di voltar pagina così facilmente, ma ancora una volta ho capito che è fondamentale il modo di vivere le proprie avventure nella vita come nello sport.

L'amico Cristiano è un maestro in questo e dopo la sua prima maratona era così contento che camminava 10 cm da terra. Non contento subito dopo la gara si è fatto un giro per Roma per ripercorrere tratti della corsa ed è tutta la settimana che ha un sorriso stampato in faccia da far illuminare tutto il XXV Aprile!

A livello psicologico quindi nessun dazio, ma la domanda a questo punto sorge spontanea: quanto ho pagato a livello fisico questa maratona? Difficile da dire soprattutto troppo presto, ma vediamo come è andata la settimana post maratona.

Lunedì avevo le gambe un pò durette, ma soprattutto un forte dolore al piede incriminato.

Dal giorno dopo ho ricominciato subito a correre. Pensavo di aver subito un overdose invece non vedevo l'ora di tornare sulle gambe e questo è quanto è venuto fuori :

martedì 24/03 - 5,12K sotto casa in compagnia di EOLO (ritmo 5.27) - gambe stanche, ma soprattutto vento fortissimo. Un pò di stretching e a letto presto!

giovedì 26/03 messdì - Riscaldamento 3km poi staffetta 3x2000 al Corrigiuriati con ottime sensazioni. Ho corso la terza frazione a 3.41 min/km senza forzare, solo abbozzando una volatina sterile e con il primo 1000 in 3.36. Dopo una maratona ho sempre il terrore di essere molto più lento invece sono stato smentito. Di "cuore" cmq ero stanco perchè ho raggiunto un FcMax di 180 inusuale per me - come FcMed invece 162

giovedì 26/03 sera -10,15K di Fondo Lento rigenerante con gli amici del gruppo Roma (ritmo 5.32) con piccola progressione nell'ultimo km per sciogliere le gambe a 4.21 (FcMed 135)

sabato 28/035,04K di corto giragambe ( ritmo 4.24 ) con ultimo km a 4.05 nonostante vento e pioggia. FcMed 152

domenica 29/03Era previsto un FL di 18km insieme ad Alberto, ma la pioggia (forte) persistente e il mal di gola mi hanno fatto desistere. Penso di recuperare questi km domani se il tempo cambierà.

Sensazioni in generale? OTTIME! Il piede è un pò dolorante, ma quando corro è tornato a non farmi male mentre nelle pause sento delle fitte. Forse ho scoperto che la mia fascite ha un'autonomia di corsa di 35,5K, spero sia così significherebbe poter correre tutto l'anno senza problemi :-) - sono tornato alla crioterapia e ai massaggi serali (che palle!).

Tanto per chiudere in bellezza e bastonarmi ancora un pò sono andato a rileggermi il post maratona di Milano dello scorso anno estrapolando questa frase : "Ma la paura maggiore era il piede destro, soffro da qualche mese di un inizio di fascite che mi da tanto fastidio, ma non male eccessivamente. Ritirarmi per quello sarebbe stato uno smacco e dato che odio gli smacchi sarei arrivato strisciando rovinandomi magari il piede per mesi". Penso non necessiti di commenti.

Tornando alla realtà mi sento carico e motivatissimo. Non vedo l'ora di iniziare gli allenamenti per la pista! Con l'aiuto del Califfo e dei Pistard Road voglio migliorare e correre ...correre ...sempre più veloce! Speriamo in bene :-))))

Buone corse a tutti.

giovedì 26 marzo 2009

15

Finisher! Sempre e comunque contento...


Arrivederci Maratona Ciao le nubi sono già più in là...

QUESTIONE DI RESILIENZA......(psicologica s'intende)!

Chiudo i Post riguardanti la Maratona di Roma Ringraziando il grande Arturo di OneMarathonForCapasso per la splendida foto all'arrivo!

Rivincita fissata per autunno 2010 - la vendetta va servita su piatto freddo :-))

martedì 24 marzo 2009

45

Maratona batte Lucky l'anarchico 3-0



Dedico questa gara a Barbara, la mia ragazza da 15 anni che odia correre, ma che è venuta a Roma, mi ha seguito e fotografato in gara e mi ha riportato in albergo quanto stavo così male che quasi non mi reggevo in piedi. Troppo facile dedicare le vittorie, io questa maratona l'ho finita soprattutto per Lei che era al traguardo ad aspettarmi, che ha sopportato tutti i discorsi di podismo in qs week end e che  sopporta tutti i giorni la mia malattia per questo sport

Domenica ho perso come anarchico, ma forse ho portato a casa la miglior gara da quanto ho cominciato a correre.

A mente fredda posso dirlo, ma voglio anche spiegarvi bene come sono arrivato a questa conclusione.

Mi sto ancora leccando le ferite, il piede è dolorante, ma non mi preoccupa più di tanto. Sono invece già pronto a ripartire più motivato che mai con un piccolo conto in sospeso con la maratona che salderò a tempo debito. (il passaggio alla mezza in 1.42.40 fresco come una rosa però è stato bello! ehehe)

Partiamo con le considerazioni: domenica la corsa mi ha presentato un conto salatissimo, gli errori a questo punto vanno analizzati bene dato che ne ho fatti tanti.

1. Fascite Plantare e San Pietrini 1-0

se dal punto di vista paesaggistico è forse la miglior gara al mondo, dal punto di vista del terreno è senz'altro la peggiore. Per chi soffre di fascite plantare è un'agonia. Al 25K ha comiciato a risvegliarsi piano piano, al 30K ho dovuto operare un forte rallentamento perchè il dolore insisteva e appena dopo il 35K l'ennesima fitta mi ha letteralmente bloccato. In quel momento ho controllato il cronometro ed ero ancora in linea per poter fare 3 ore e 30. Dal 35K in avanti è stata una lunga e sofferta agonia perchè alla fascite si è unito il mal di stomaco. Avevo un tale malessere che ho rigettato due volte (la seconda addirittura a 50 mt dall'ultimo km!!) - Rimane da verificare cmq questa mia "debolezza" di stomaco che avviene puntualmente SOLO sulle distanze over 25K.

In quei momenti pensi a ritirarti, pensi di non farcela, senti le gambe che si raffreddano e si induriscono e fai addirittura fatica camminare, ma la cosa più umiliante, la cosa che davvero ti distrugge dentro sono i sorpassi che subisci, gli spintoni da gente che sta correndo. In quel momento ti senti davvero uno zombie. Mi veniva quasi da piangere! Ho fatto un conto su TDS che sono stato passato da circa 5.000 persone!!! E poi i PACER....in serie sono stato doppiato dal 3.30, dal 3.45, dal 4.00 e per un pelo arrivava anche il 4.15 e ogni volta il gruppo era foltissimo e ricevevo spintoni su spintoni ...( MIC mi può capire molto bene )

Gli ultimi 2195 mt sono stati i peggiori, sentivo i canti delle sirene per convincermi al ritiro, ad ogni ambulanza ci meditavo ben bene perchè il vento mi penetrava dentro nello stomaco e avevo un malessere bruttissimo. Ad un certo punto mi sono fermato, mi sono piegato sulle ginocchia e ho meditato di farla finita (nel senso di ritarmi :-))))), ma poi ho pensato di non mollare e che tutto questo presto sarebbe finito. Poi ho visto il Garmin che mi dettava un ritmo che nemmeno camminando in salita.....14,00 min/km....Mancava ancora mezz'ora.....

Sento un signore del pubblico che mi dice "Daje Daje Milano, Daje Milano" , io mi giro e gli dico in milanese "Cazzo ciò un male della madonna al piede" ...ci facciamo due risate....

Mi passano degli stranieri che mi incitano. Mi passano gli amici del Road che si girano esterefatti a vedermi così .......mi passano tutti, ma io al traguardo voglio arrivare!

Ad un km dal traguardo mi passa l'amico Cristiano che chiuderà appena sotto le 4 ore la sua prima maratona esterefatto esclama "Luciano, Luciano, ma che è successo" ...non sapeva cosa dire...io gli faccio "Vai Vai" ....poi mi apparto e vomito!! :-)) - Ormai non ho più nulla in corso, sono disidratato e con un fazzoletto di carta in mano mi accingo a percorrere l'ultima salita prima del traguardo. Mi sembra il K2!!

Chiudo sul traguardo camminando (novità assoluta) con Arturo di OneMarathonForCapasso che mi chiama e mi fotografa! Maledico Roma e la maratona in generale (si sa a mente calda non si ragiona).

Ancora adesso sento i San Pietrini all'interno del piede destro...

2. Anarchia in generale sfociata con la follia di 3 gare in 7 giorni 2-0

Micio ha ragione...

Fascite a parte non posso correre una maratona dopo aver fatto 3 PB in 7 giorni su gare molto impegnative: una maratonina, un 5.000 in pista, una 10K simil-campestre.

Il fiato non è mai stato un problema, ma già al 15esimo le gambe non erano brillanti e le sentivo pesanti. 

Al 25esimo ho avuto il piacere di incontrare Gian Carlo con il quale ho scambiato quattro chiacchere, stavo bene, ma qualcosa di negativo stava cominciando a materializzarsi.

Mentre parlavo sentivo degli strani stimoli provenienti dallo stomaco e le gambe perdevano brillantezza. Piccoli dolori all'arco plantare facevano capolino.

Speriamo di avere altre occasione per fare 4 chiacchere, Giancarlo ti faccio i complimenti per la linea! Un vero figurino! Nelle foto sembri più grasso!

Inoltre devo ammettere che ci azzecchi sempre con me! già domenica scorsa dopo la 10K con PB mi avevi scritto "Eri stanco... è un calo fuori dal mondo......."

Tutto questo l'ho pagato davvero a caro prezzo....

3. Preparazione molto approssimativa 3-0

Al punto 1 e 2 aggiungiamo 2 soli lunghi, tanta velocità e il mix è completo.

A Milano arrivavo da lunghi fatti cmq meglio e corse in montagna di parecchi km e si è visto. In scioltezza ho fatto 3.38 -

A Roma ho pensato, memore di quella scioltezza, di spaccare il mondo e invece è successo il contrario.

A Milano ho chiuso in progressione ( addirittura 4.30 l'ultimo km ) passando cadaveri su cadaveri, a Roma l'esatto contrario.

Il lato positivo è che ora conosco le due facce della maratona e comincio a capire tante cose che prima non consideravo. Spero che questo possa aiutarmi nel cammino verso una possibile maturità podistica.

Riflessione Finale 

Rimane il conto in sospeso con questa gara che comunque non mi piace, ma che tra qualche anno potrebbe anche diventare un obbiettivo. 

Sicuramente non la correrò più prima di Novembre 2010 perchè ora voglio concentrarmi su quella che più mi piace ovvero la velocità!

Per la resistenza c'è tanto tempo e io, come dice il Bress sono giovane! ( ehehe)!

E VOI BLOGGER? Purtroppo non sono riuscito a venire al Blogpoint. Troppo casino e tempo tiratissimo. Ci saranno spero tante altre occasioni...

Ho avuto però il piacere di conocere il Bress (cuccato immediatamente, simpaticissimo con quell'accento veneto, un vero personaggio, 4 chiacchere velocissime al deposito borse), Gian Carlo in gara (incredibile mi ha beccato al 25K in mezzo al casino) e Mathias che mi ha incitato prima dell'ultimo KM e ha cercato di sostenermi psicologicamente all'arrivo quando io stavo così male che non riuscivo quasi a parlare (GRAZIE!).

Un piacere enorme, ecco cosa accomuna ogni incontro con Voi !!

Prima di partire per Roma avevo detto "comunque vada sarà un successo" , e lo è stato!

Rimane un'esperienza fantastica sia dal punto di vista turistico con tutti i miei amici Road, sia dal punto di vista culinario (che mangiate!!), sia dal punto di vista atletico!

Ho apprezzato tanto gli SMS, le Email e i commenti sul post precedente. Nessuno però si deve dispiacere perchè per me è stata un'esperienza fantastica e positiva allo stesso tempo che sicuramente mi aiuterà nel proseguo della mia avventura podistica a non mollare mai nemmeno nei momenti più difficili .....

Grazie a tutti e come a Milano posso dire: ce l'ho fatta!

lunedì 23 marzo 2009

30

Un'indescrivibile voglia di arrivare...

Sono tornato qs mattina da Roma che erano le 2,00 - mi sono svegliato alle 6.30 e sono partito per Venezia dove avevo una riunione di lavoro che è appena finita.

Non sono stanco, dopo quello che ho passato ieri penso di poter sopportare tutto (o quasi).

Una sofferenza senza fine, ma anche un'immensa voglia di arrivare, di tagliare il traguardo, nonostante tutto....

Nonostante il brusco risveglio al km 28 della fascite plantare, nonostante lo stomaco e i due rigetti lungo il percorso, nonostante la paura di non farcela fino alla fine.....

Domani al mio ritorno a casa posterò il resoconto completo, ma volevo dire a tutti che nonostante tutto sono contento e che ora davvero capisco quanti in tanti mi han sempre detto "l'importante in una maratona è arrivare" ....

e io ce l'ho fatta, metro dopo metro, fitte dopo fitte, rigetti dopo rigetti, ma soprattutto san pietrino dopo san pietrino :-))) con un fantastico 4 ore e 10 minuti ho tagliato il traguardo e per la seconda volta sono un Finisher!!

Ringrazio e mi scuso con Mathias per il supporto morale, ma stavo talmente male che faticavo anche solo a parlare.....

Un pensiero particolare va ai miei compagni Diego, Nando, Paolo, Lorenzo, Cristiano e Alberto anche lui vittima di problemi muscolari, Francesca. SIETE STATI GRANDISSIMI.

mercoledì 18 marzo 2009

25

Maratona di Roma - deciso il ritmo ( 4.50 )


Domenica sera ero davvero stanco e pensavo tra me e me "ma come faccio a correre una maratona tra meno di 7 giorni...?"

Dopo l'intensa settimana e i pochi lunghi alle spalle ( 2 in totale: uno di 31 e uno di 28 ) i dubbi erano molteplici, ma oggi confermo il ritmo deciso un mesetto fa con l'amico Diego mio compagno di maratona.

Mi era anche balenata l'idea di rischiare e puntare sul 4.40 ma i pochi lunghi e le gare accumulate recentemente mi han fatto capire che devo "volare" basso e pensare soprattutto ad un obbiettivo il più possibile realistico.

Dopo la mia prima maratona mi ero prefissato di correre in 3 ore e 30 minuti e questo in realtà è il mio vero obbiettivo, ma dopo gli ultimi miglioramenti (anche se in gare fino alla mezza) penso di potermi permettere questo rischio.

Poi, in fondo, male che vada camminerò e mi godrò la città eterna e le sue bellezze!

domenica 15 marzo 2009

23

Trofeo Sempione - Il PB di avvicinamento.....al sogno!



Oggi più che una gara è stata una festa! Tantissimi amici, percorso davvero tosto (a me sembrava una sorta di campestre cittadina), tifo a go go e per finire una tavolata in un ristorante toscano a festeggiare il compleanno di Stefano.

Intanto quindi AUGURI pubblici a Stefano e complimenti per il crono ( 40.44 ), ormai il muro dei 40 minuti ce l'hai già basta solo trovare una gara su strada e non un percorso di sopravvivenza come quello di oggi. (anche se tu in quelle circostanze riesci veramente a dare il meglio! Grande!).

Io non avevo mai corso il Trofeo Sempione, tutti mi han sempre detto che se fai il personale qua vali almeno 1 minuto in meno. Io a queste cose credo poco, ma posso dire che per me oggi è stata veramente dura.

Per prima cosa non amo le corse "muscolari" ovvero quelle con tanti cambi di pendenza (anche minimi) oltre a tantissime curve (dove devi spesso rallentare e ripartire).

Se poi ci mettiamo

  • il terreno un pò infido (se uscivi dalla pista ideale c'erano i sassi),
  • le panchine "assassine" sui lati assolutamente da evitare  
  • la partenza stile "Maratona di Roma"...
  • Una mezza a manetta corsa domenica scorsa...(con PB)
  • Un 5.000 corso alla morte giovedì scorso...(con PB)

Beh...prima di partire avrei firmato per un 42.30/43.00

La partenza è un delirio, mi son trovato subito intruppato e al 2° KM il mio crono segnava 9 minuti !! A quel punto ho perso tutto il buon umore, ma non mi sono perso d'animo cercando di recuperare.

Tutte quelle ripartenze però mi stroncavano e non riuscivo ad impostare un ritmo costante e metro dopo metro recuperavo davvero poco...

Uscito da Parco Sempione  si entra all'Arena, si fa un giro di pista per poi replicare il giro. Proprio al traguardo c'è il tappeto del chip per il metà gara e il crono diceva 21.11 (ritmo 4.14) sinonimo che comunque stavo recuperando.

Uscito dall'Arena ho cercato di impostare il ritmo più veloce, ma le corte salitelle mettevano a dura prova le gambe che non avevano ancora recuperato il 5.000 di giovedì scorso.

Passando un pò di soci ritrovo comunque il buon umore e provo ad accellerare, ma non basta!

Ho bisogno di un obbiettivo e lo trovo all'orizzonte. Vedo la vincitrice del Corrigiuriati 2008 e voglio andarla a prendere a tutti i costi.

Il sorpasso si materializza al 9° , ho ancora un pò di fiato per dirle "Dai che è quasi finita" - Ormai manca davvero poco ed entro il pista.

300 mt dal traguardo e lo speaker sta festeggiando i corridori dei 40 minuti. Guardo il Garmin che segna 40.30 e allora vado a prendermi il PB.

Taglio il traguardo in 41.34 poi misteriosamente corretto in 41.36 che è cmq il mio nuovo personal best sulla distanza ( non c'è Real Time e io sono partito dalle retrovie, Boh! ). Secondi 5K in 20.25 - fossi partito senza intoppi penso sarei sceso, già oggi, sotto i 41.

Per il tipo di gara sono comunque soddisfatto, ma lo considero un PB di transizione, un PB di avvicinamento al grande sogno che ora ho davvero capito essere molto molto vicino.

La mia sfida al Fantastico Quattro sui 10K è partita e conto di batterlo entro la fine di quest'anno!

Ora scarico verso la Maratona di Roma di domenica prossima poi potrò trarre finalmente un secondo bilancio con un occhio agli obbiettivi a breve e lungo termine.

E dopo? LA PISTA! per circa 3 mesi ! Stiamo creando un gran bel gruppo e sono sicuro che ci divertiremo tantissimo.




Angolo di amizia: Cristiano che oggi ha fatto di lepre a Francesco! BRAVI!

In attesa delle foto della mangiata auguro Buone Corse a Tutti !

...e per finire subito dopo la gara pranzone per il compleanno di Stefano!






giovedì 12 marzo 2009

22

5.000 in Pista - VIETATO SENTIRSI SAZI


Per prima cosa devo ringraziare quest'uomo, è quello alto che corre talmente leggero che sembra Eolo! Il grande Nicola al secolo Blogger di 21km-la distanza si è prestato a farmi da lepre sul 5.000 di oggi. Era un recupero e tentare il tempo da solo mi sembrava davvero impossibile così gli ho scritto e dato che domenica corre il Trofeo Sempione ha gentilmente acconsentito.

Grazie Nicola, grazie davvero.

La giornata è fantastica non sono però tranquillo come al solito, tira un vento piuttosto fastidioso contrario sul rettilineo di arrivo e sento ancora un pochettino di dolore intercostale (non mi pregiudicherà per nulla la prestazione).

Non sono tranquillo perchè pensavo di tentare un 19.20/19.30 , ma l'idea di Nicola di provare a fare il tempo "infame" come lo chiama lui mi solletica non poco ( 18.59 ).

Il 5.000 è una distanza di tutto rispetto e ci vuole anche una buone dose di fondo oltre che di velocità e a quei ritmi io sono proprio impiccato. La Mezza di domenica cmq sembra ormai assorbita.

Riscaldamento e decisione: CI PROVIAMO !!

Ma ora la gara che è stata per certi versi a 3 facce :

  1. I primi 3.000 alla grande, sentivo poco la fatica, vedevo molto bene schiena e talloni di Nicola, il vento non mi dava per nulla fastidio e fiato e gambe andavano alla grande.
  2. Dal 4.000 al 4.850 da stramazzare a terra, fiato corto, gambe che ciabattavano, propositi addirittura di ritiro, fischi degni di un vaporetto, ma quel tempo lo volevo fare A TUTTI I COSTI....
  3. Gli ultimi 150 mt di pura adrenalina podistica spalla a spalla con Nicola fino agli ultimi 20 metri dove mi ha lanciato verso il tempo tanto desiderato...

Si parte e il gruppo si sgrana immediatamente. Si tratta di un recupero quindi c'è meno gente e le differenze tra loro sono nette. Io e Nicola rimaniano secondo e terzo e questa sarà anche la nostra posizione finale. Corro e respiro bene e il ritmo mi sembra quello corretto anche se il primo km passa a 3.49 - Sul secondo si rallenta leggermente e passa a 3.51 - Il 3.000 passa a 11.30 perfettamente in linea con la tattica, ma qui comincio a capire che non saranno per nulla facili gli ultimi 2.000.

Il 4K è di sofferenza pura anche perchè di rallentare non se ne parla e io comincio decisamente a faticare. La respirazione cambia in maniera repentina e sbuffo da far paura. Le gambe vanno bene, ma per tenere il ritmo comincio a perdere coordinazione. La schiena di Nicola ogni tanto si allontana e il vento contrario nel rettilineo mi sembra la bora. Lui cerca di coprirmi, ma io in crisi nera lo vedo sempre più magro e trasparente.

a 3 giri dalla fine sento Cristiano che mi incita mentre io a mò di Fantozzi vedo San Giuseppe sulle tribune del Giuriati che mi dice che è quasi finita...

Il 4K viene chiuso a 3.48 ma io lo vedo solo ora perchè in gara mi dimentico di avere il cronometro. Sono concentratissimo e cerco di ottimizzare tutto.

Durante il 5K aumentiamo leggermente e capisco che è giunto il momento di attaccare il tempo infame. Mi impegno, ma sono alla frutta, di mollare però non ne ho assolutamente l'intenzione!

Ultimo giro, cerco di succhiare al meglio gli incitamenti di Cristiano, guardo le tribune e vedo l'arcangelo Gabriele che mi saluta e mi dice che è arrivato il mio momento.

Cerco una progressione, ci provo e lentamente mi riesce anche. Ai 200 mi balena l'idea di innescare la volata subito rientrata per non stramazzare a terra agli 80 (qs volta mi son spremuto tanto).

Arrivo ai 150/100 e sento Nicola dire qualcosa, immagino un 19 basso e parto a razzo. Ormai non sento più nulla e volo verso il traguardo. Le gambe girano alla grande sono in apnea totale e non so quanto resisterò.

Lo scoprirò al traguardo, STOP 18.59 - incredibile! Spaccato! Guardo Nicola per sincerarmi davvero del tempo e lui conferma. Pugni chiusi dalla gioia e mi sdraio a respirare forte perchè non ne ho davvero più.......ultimo km (vero) 3.40 e il Garmin ci fa una pippa!

...e l'ultimo 400 per recuperare e acchiappare il 59 è stato corso a circa 3.20/3.25

In quel minuto non penso a nulla, vedo il cielo blu e qualche nube bianca spazzata dal vento e sono contento...

I battiti stanno tornando alla normalità, mi alzo e sento il tempo di Cristiano. Vedo Francesco, è già ora di tifare Stefano che si sta facendo il 10.000 in solitaria.

La stanchezza passa, la felicità cresce di minuto in minuto...

Ringrazio ancora Nicola dell'aiuto, il treno era eccezionale, ma come dice il mio amico Lorenzo "se non hai le gambe il treno se ne va..."

Ottimo Cristiano che tornava in pista dopo mesi di problemi intercostali non ancora risolti e si è sparato un 3.000 in 12.22

Ottimo Stefano Scala che facendosi gli ultimi 7K in solitaria si è sparato un 10.000 in 41.25! Nuovo PB!!

Piccola Riflessione Finale :

Avevo previsto un febbraio/marzo denso di PB - alcuni erano vecchi e volevo raccogliere i frutti dell'inverno, ma non pensavo assolutamente di fare questi crono, dal 2100 alla Mezza.

Diego dice che sono assetato di PB, aggiungo che voglio andare sempre più veloce: per questo mi allenerò sempre di più e magari in modo un pò meno disordinato ( non si sa mai ).

Dal 23/03 cominciano gli allenamenti in Pista e sotto la rigida guida del Califfo e del gruppo pista del Road vedremo cosa salterà fuori...

Vedremo chi vincerà, se i miei allenamenti anarchici o le rigide tabelle...alla PISTA l'ardua sentenza (..e alle mie gambe!)!


mercoledì 11 marzo 2009

9

Lago Maggiore HM - LE FOTO!!



Ed ecco finalmente un pò di foto 

Clicca QUI per vedere quelle selezionate (per quanto possibile) dei Blogger e dei Road

Clicca QUI per vedere TUTTE (o quasi) quelle del 17esimo chilometro

Clicca QUI per vedere TUTTE (o quasi) quelle dell'arrivo

domenica 8 marzo 2009

39

Mezza di Stresa - PB e cattiva compagnia!




Inanzitutto una giornata fantastica! Per gli amici trovati e conosciuti, per i blogger, per il tempo metereologico, per le emozioni che le gare ti possono dare e per tanto altro!

Partiamo dall'inizio e cioè dal traghetto che riesco a prendere alle 9.00 del mattino, trovo subito Giuliano con il quale resterò insieme fino alla partenza.

Si arriva a Stresa alle 9.30 ed è subito un incontro dietro l'altro. Si va all'Expò tanto per far passare i minuti. Incontro subito Pimpe che poi vedrò una marea di volta ( credo che il Pimpe si sia clonato per questo Blogpoint perchè era DAPPERTUTTO! ). Approfitto per fargli i complimenti per l'ottima organizzazione sia a Stresa che all'agriturismo!

Blogpoint al Grand Hotel riuscito! Rivedo con grande piacere Furio e Diego, conosco Igor e Franchino. Arriva Antonio che ci fa un sacco di foto e naturalmente si ride e si scherza.



Passa la Kalovics (1° con 1.15.20) che naturalmente Antonio rincorre (...e prende!! ), foto ricordo tutti insieme che potete vedere subito sul suo Blog!

Assenti giustificati e ingiustificati ( vero Mauro ...ehe scherzo naturalmente ).

Tutto ormai è pronto per la partenza e io mi sento già stanco! Parto con Nando e decido di seguire la tattica ovvero 4.15 e vada come vada.

Il primo problema è che praticamente non ci siamo scaldati, ma allo sparo le gambe vanno alla grande e faccio i primi 4 km in 4.16, 4.14, 4.02 e 4.05 - sto talmente bene che mi esalto, ma succede subito qualcosa che mi accompagnerà praticamente per tutta la corsa. Compare una cattiva compagnia!
Un dolore vicino al fegato che piano piano aumenta. All'inizio non ci faccio troppo caso, ma ad un certo punto non riesco praticamente a respirare e devo rallentare notevolmente. Il dolore è fortissimo ed è la prima volta in 18 mesi di podismo a dover fronteggiare un problema simile.

Comincio ad innervosirmi e dico a Nando di andare avanti, che non ce la faccio, ma lui resta con me e dopo un km "lento" il dolore cessa di colpo.

Riprendo ritmo, ma all'8° km torna più forte di prima. La crisi è terrificante e non so che fare! Penso addirittura al ritiro, ma non riuscirei più a guardarmi in faccia. Non posso mollare al primo problema che mi capita.

Così stringo e denti e cerco un aiuto data la mia totale inesperienza. Passo al decimo ancora in linea per stare sotto l'1.30 , ma non ce la faccio a resistere, sto ormai correndo con una mano sul fegato e se respiro troppo sento un dolore lancinante.

Mi passano due podisti e mi vedono in crisi nera, cercano di consigliarmi e ci riescono. Rallento e mi fermo per 10 secondi, ruoto le braccia e riparto cercando di fare un passo leggero, corro in avanti e lavoro sulla respirazione proprio come mi hanno detto.

Nando ormai è avanti e non lo vedo più, ma intorno al 12esimo il dolore passa completamente. Ho speso un sacco di energie, ma voglio crederci e riprendo un ritmo costante con una respirazione corretta. L'unico problema è che aumentando in discesa il dolore torna.

Rivedo Nando all'orizzonte ed è un grande stimolo, in 1 km lo prendo e lo passo. Ormai non guardo più il Garmin, ascolto solo il mio corpo.

So di correre un pò con il freno tirato, ma cavolo CORRO FORTE!

A Pallanza c'è il tifo e arriva il momento difficile. Ho speso tantissimo e so che stare sotto i 90 minuti sarà impossibile, ma passo dopo passo trovo fiducia e vorrei almeno confermarmi stando sotto i 92 minuti.

Mi accorgo che mi sto divertendo, non penso al tempo, provo a prendere dei treni, ma non ne ho, il dolore torna e riprendo il mio ritmo.

Sono quasi all'arrivo e innesco la mia volata. A pochi metri dal traguardo guardo finalmente il Garmin e vedo un inaspettato 1.30 alto ...e allora cambio ancora ritmo, chissà magari faccio il PB. Sarebbe un iniezione di fiducia incredibile dopo tutto quello che ho passato.

Taglio il traguardo e leggo 1.30.59 poi corretto da TDS Real Time 1.30.56- sono contento: oggi potevo stare sotto i 90 minuti, ma bisogna accontentarsi. Ho iniziato 18 mesi fa e tutto pensavo tranne che attaccare questi tempi così presto.

Ora penso alla maratona e soprattutto alla pista - per le mezze se ne riparla a settembre!

Voglio fare i complimenti a tutti per le ottime prestazioni e alla natura per averci regalato una giornata davvero da incorniciare!

Un pensiero particolare a Cristiano che dopo tante sofferenze intercostali ha fatto un ottimo tempo!

E la mangiata ? Il personale li l'abbiamo fatto tutti !!

E la cattiva compagnia ? è cessata del tutto solo un paio d'ore fa ...speriamo di non vederla e soprattutto sentirla mai più!

Buone Corse a Tutti !


sabato 7 marzo 2009

11

Lago Maggiore Half Marathon - come andò lo scorso anno?




A chi interessa leggere come andò la scorsa edizione ( era la prima assoluta ) posto un mio articolo pubblicato a suo tempo sul sito del Road e su Podisti.net ed inviato alla Pro-Motion al fine di poter migliorare l'edizione successiva che ormai è alle porte!

Domenica scorsa si è svolta la Mezza Maratona di Stresa sul meraglioso Lago Maggiore, uno splendido paesaggio avrebbe dovuto rallegrare noi giovani podisti e condurci al traguardo estasiati da cotanta bellezza... se solo, se solo... il tempo non rovinava tutto! (almeno per il pubblico accorso). 
Sabato sera collegato sul Meteo Svizzero cercavo di scrutare una corrente, un soffio di vento che allontanasse le nubi, ma nulla... nubi, nubi e ancora nubi, nebbia, deboli precipitazioni in mattinata, forti precipitazioni nel pomeriggio. 
A dir la verità il tempo ha rovinato la giornata ai tanti tifosi accorsi, non certo ai Runners potendo gustare (a mio parere) di un tempo ideale per correre. 
Nella mattinata non ha piovuto, il clima era comunque da maglietta maniche corte, soprattutto non faceva caldo, quel caldo umido che spesso rovina le prestazioni e fino alle 13,00 circa il tempo ha tenuto. 

Due parole sull′organizzazione targata COVER MAPEI... di positivo: diretta televisiva su VCO Azzurra TV, top runners di tutto rispetto (c′era Lebid!!! E Giuliano Battocletti che però si è ritirato al 10K), rifornimenti di tutto rispetto (c′era il Polase Sport), speaker, cancelletti di partenza ben organizzati, massaggi a fine gara, medaglione formato olimpiadi e maglietta "carina" ma forse non all′altezza della manifestazione e del gruppo sportivo così blasonato che l′organizzava (dico solo che alla Mezza di Vittuone che costava meno davano una maglietta Diadora super tecnica). 
Di negativo... Beh di negativo cose molto importanti a partire dalla gestione della sacca di gara con tutti i nostri indumenti di ricambio che veniva caricata a Stresa da capienti camion (assolutamente pochi, mi sembra solo due!! Per 1500 concorrenti!!!!!) e riconsegnata a Verbania nella totale anarchia. 
Provate a pensare centinaia di podisti accalcarsi al camion con soli due o tre operatori a passare la borsa. 
UN DELIRIO! 
Ho visto scene allucinanti: code chilometriche, gente urlante, podisti che saltavano tranquillamente la coda senza il minimo rispetto. 
Gli operatori lenti e disorientati tanto che ad un cerco punto il camion era pieno di podisti che si facevano giustizia da soli :-))  
Sembrava il far-west!!

Io e Diego Guida ci guardavamo allibiti! 
Sono stato 20 minuti AL GELO E SOTTO LA PIOGGIA per aspettare i miei vestiti, avrei preferito di gran lunga fare un'altra mezza maratona :-)). 
Come se non bastasse vagavo in cerca del posto dove riconsegnare il CHIP che doveva avvenire, udite udite, all′Expò, lontano (si fa per dire) dal traguardo e altra coda chilometrica!! 
Sarebbe stato meglio riconsegnare il chip una volta arrivati al tranguardo come si fa in quasi tutte le corse!

Con questo non voglio dire che è stata organizzata male, sono peccati di gioventù che sicuramente il prossimo anno andranno risolti. Sono sicuro che gli organizzatori faranno tesoro di tutto questo per organizzare al meglio la prossima edizione che sicuramente mi vedrà fra i concorrenti. 

Ora piccola sintesi della gara. 
Una mezza sicuramente ondulata con parecchi sali e scendi che mettono a dura prova le gambe, si parte da Stresa per arrivare a Verbania, passando da Baveno e facendo un bel giretto a Pallanza con splendido "costeggiamento" di Villa Taranto una vera perla. 
I sali e scendi non erano solo al 1º e 5º chilometro come diceva l′organizzazione, ho passato qualche ponticello e soprattutto a Pallanza era un su e giù che stroncava davvero le gambe. 
Da par mio sono molto contento, non pensavo di centrare il mio primo piccolo obbiettivo così presto, ma devo dire che già al 10K passato in 46 scarsi le gambe andavano alla grande e anziché mollare tendevo ad accellerare... 
A farmi scendere di nuovo sulla terra ci ha pensato Pallanza, il percorso sconnesso e ondulato mi ha fatto diventare le gambe due pali della luce (c′era una curva in salita che mi ha ucciso!) e un po′ ho mollato chiudendo comunque con un buon 1.38.31 (mio nuovo PB). 

Il Road con 24 iscritti è arrivato 8º su 213 società. 
Chiudo dando appuntamento alla Stramilano! 
Ciao a tutti!

E qui il commento di Paolo Ottone che naturalmente ringrazio e come promesso "CI SONO ANCHE QUEST'ANNO!!" .....

Intanto saluto tutti i podisti che hanno dato fiducia a questa prima edizione della "Lago Maggiore Half Marathon" che con qualche raggio di sole in più sarebbe stata molto meglio ed avrebbe regalato un panorama davvero "mozzafiato"...ma teniamo in cantiere la sorpresa per il 2009.
Ma al di là di questo vorrei dire la mia su alcuni punti e critiche che per mia natura amo prendere sempre per "costruttive" e le reputo importanti per poter crescere a livello organizzativo.
Premetto che sono organizzatore di eventi sportivi da 15 anni, oltre che di questa gara, anche della Mezza Maratona di Praga e della Maratona che si corre nella stessa città con collaborazioni alla Maratona di Roma e quella di Trieste.
La società organizzatrice che rappresento, Sport PRO-MOTION (non CO-VER Mapei come è stato erroneamente detto) ha investito molte energie e soprattutto passione nell'organizzazione di questo evento sportivo supportata anche dal Gruppo CO-VER che sponsorizza oltre al nostro evento anche la CO-VER Mapei.
Mi sembra scontato dire che alla prima edizione non potevamo pretendere la perfezione...ma credo che siamo riusciti a lanciare questa gara nel migliore dei modi.
Ovviamente ci sono delle migliorie da fare in diversi settori come il deposito borse, il ritiro dei pettorali e la dislocazione dei servizi.
Mi sento però di dire che abbiamo dato il massimo per garantire a tutti i podisti (chiudendo le iscrizioni in anticipo proprio per garantire a tutti lo stesso trattamento) una serie di servizi che non sono comuni a tutte le gare, soprattutto all'estero, dove paghi anche l'aria che respiri.
Intendo dire: trasporto gratuito con battelli, Pasta Party gratuito, medaglia di qualità, rilevazione cronometrica al 5/10/15 Km, diploma gratutio scaricabile on-line, T-shirt (OK non tecnica, ma nemmeno così male per una prima edizione), certificazione della misurazione a livello internazionale etc.
Vi garantisco che tutti questi servizi hanno dei costi notevoli; costi che abbiamo voluto sostenere per partire subito con uno standard di qualtà alto rispetto alla media della gare in Italia ed all'estero.
Per quanto riguarda il percorso non abbiamo potuto fare in un altro modo per poter trovare i 21.097 m...passando anche davanti al McDonald....che in cuor mio spero possa essere un segnale forte per invogliare i loro clienti a fare un pò piu di sport ed a mangiare più sano.
Spero che tutti i nostri sforzi siano stati apprezzati e vi assicuro che stiamo lavorando sin d'ora per migliorare le pecche giustamente evidenziate dalla maggior parte dei partecipanti....
Un saluto sportivo a tutti i membri del vostro Club...non mancherò di far visita al vs. sito ogni tanto.

Paolo Ottone (Presidente di Sport PRO-MOTION ASD)


Avranno risolto le pecche di gioventù ? A noi Blogger l'ardua sentenza :-)))

A Domani!!!!



mercoledì 4 marzo 2009

19

Mezza di Stresa - sono in riserva?



Risparmiarsi o non risparmiarsi, questo è il problema...

Mi piace perchè sto qua a farmi dei brain storming pur sapendo che domenica mattina stravolgerò tutto quello che avrò pensato nei giorni prima.
Fino a ieri mattina pensavo di essere davvero in riserva, avevo anche un pò di febbre, ma dopo il fondo lento con progressione finale di ieri sera sembro (quasi) rinato.

Comincio a pensare che il progressivo abbia davvero qualcosa di terapeutico :-))

Tutto è iniziato dopo il 3.000 di giovedì.
Ero distrutto!!! Ragazzi se l'ho patita quella gara! Altrochè maratone e mezze maratone. Polpacci duri e gambe stanche a go go. Sarà, ma un 3.000 in pista è molto più faticoso di una mezza tirata alla morte. L'acido lattico che accumuli te lo porti dietro (anche al lavoro) per almeno un paio di giorni.
Poi la decisione di correre una tapasciata domenica scorsa ad Abbiategrasso, di 22 km, nel parco del ticino, sotto una pioggerellina, sali e scendi e con il vento contrario sugli ultimi 5 km .....
Nel pomeriggio mentre il sito TDS non si aggiornava e la gente imprecava per sapere il proprio risultato nella Roma-Ostia o nella Piacenza Half e Full Marathon io dormivo come un bambino spaccato in quattro dalla gara corsa con un'umidità penso del 99%
Lunedì ero cotto e martedì idem con febbricina...e alloora un bel fondo lento condito da progressione finale (ultimi 3k a 4.27 - 4.06 - 3.51 con il cuore in gola, ma tremendamente reattivo).

Oggi meglio, ma come correrò a Stresa? Sicuramente per divertirmi, ma come mi divertirò allora? :-))
  1. Mi risparmio e lascio andare avanti Nando
  2. Parto tranquillo per poi tentare un allungo nella seconda parte
  3. Parto a 4.15 e tento il personale? Al limite scoppio e mi godo il lago maggiore

Come al solito improvviserò, voi cosa mi consigliate?

Domani scarico, ven e sabato riposo

Posto i grafici del lungo sul ticino di domenica e del FL+Progressione di ieri sera. Ricapitolando:

  • domenica 21,64K in 1.48.00 ( ritmo 4.59 - FcMed 144 )
  • martedì 10,10K in 51,04 ( ritmo 5.04 - FcMed 139 compresa la progressione finale! )
La novità è che la mia FcMin è sotto i 42 in quanto l'ho provata qualche sera fa (e non la mattina) e la macchina ha detto 42! Proverò una mattina nel pieno rilassamento.

Buona Corsa a tutti e per quelli della Mezza di Stresa "PREPARATE LO STOMACO per la mangiata!!"




Appuntamenti in Evidenza

4-6 marzo 2011 Camp.ti Italiani Indoor Master - RISULTATI

16-20 marzo 2011 Camp.ti Europei Indoor Master RISULTATI

4-5 giugno 2011 CDS Fase Regionale a Novate Milanese (MI) RISULTATI

2-3 luglio 2011 Camp.ti Regionali Master Indivisuali a Busto Arsizio (VA) RISULTATI

6-17 luglio 2011 Camp.ti Mondiali Master a Sacramento - USA RISULTATI

30/09 -02/10 2011 Camp.ti Italiani e CDS 3° prova Master a Cosenza LISTA ISCRITTI


Calcola la tua velocità
 
Ore:
Minuti:
Secondi:
Metri:
Minuti/KM:
KM/h:
 

 Fonte www.tuttopodismo.it





Responsabilità
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica e non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. L'amministratore del blog, pur mantenendo costante azione preventiva, non ha alcuna responsabilità per gli articoli, siti e blog segnalati e per i loro contenuti. Ogni commento inserito nei post viene lasciato dall'autore dello stesso accettandone ogni eventuale responsabilità civile e penale. Le foto ed i video contenuti in questo blog sono da intendersi a puro carattere rappresentativo, divulgativo e senza alcun fine di lucro. Sono copyright dei rispettivi autori/agenzie/editori.